Il ponte Tibetano e le Cascate del Saent

Eccoci qui ad un altro appuntamento, questa volta andiamo in Val di Rabbi. Percorreremo il suggestivo sentiero all’interno del Parco Naturale dello Stelvio,

che ci porterà alle splendide Cascate del Saent, attraversando il ponte Tibetano.

Questo percorso è adatto sia ad escursionisti che a famiglie e lo si può fare in tutte le stagioni. Sono vivamente consigliate delle scarpe da trekking!

L ‘attraversamento del ponte non e’adatto alle persone che soffrono di vertigini o per gli amici a 4 zampe, visto che la passerella è composta da grate. Per quanto riguarda invece le protezioni ai lati sono alte e quindi sicure anche per i bambini.

Lunghezza: 15 km. Difficoltà: media

Durata: 5 ore. Dislivello: 510 mt.

Come arrivare al punto di partenza.

Vi do le indicazioni  partendo da Terzolas, il  paesino che dovrete inserire nel vostro navigatore, perché ci potete arrivare sia da Trento, dal Passo del Tonale oppure da Madonna di Campiglio.

Procediamo per la statale sp 86 per 12 km fino alle Terme di Rabbi, subito dopo troviamo un comodo parcheggio gratuito dove lasceremo la nostra macchina. Ci arriveremo in circa 15 minuti.

Con lo  zaino in spalla imbocchiamo la stradina che troviamo alla nostra sinistra,  dove troveremo le indicazioni per Malga Fratte e il ponte.

La stradina sale dolcemente attraverso il bosco fino a quota 1366 s.l.m. e in circa 30 minuti ci troviamo a camminare per più di 100 mt. sospesi nel vuoto a 60 mt. di altezza sopra le cascate del Rio Ragaiolo.

Dopo aver fatto le foto di rito, ci incamminiamo sul sentiero che porta a malga Fratte. Saliamo per circa mezz’ora attraversando dei freschi boschi fino a spuntare in un’ampia radura dove troveremo la malga.

Qui avremo la possibilità di berci qualcosa di fresco e se vogliamo è possibile anche mangiare piatti della cucina tipica trentina con prodotti locali, oppure un bel dolcetto come lo strudel, la torta di mele o una crostata di frutta!

Finita la sosta attraversiamo la piccola stradina e ci incamminiamo lungo il percorso che ci farà scendere verso il parcheggio Coler. I fitti e altissimi abeti ci fanno da sfondo in questa discesa a zig zag. In prossimità del parcheggio c’è la possibilità di girare a sinistra e beneficiare di un percorso kneipp naturale.

Ma sarà per la prossima volta! Giriamo a destra e ci incamminiamo sulla strada bianca che in circa 40 minuti ci fa raggiungere Malga Stablasolo.

Qui è il posto ideale per una sosta aperitivo e un buon pranzetto, così da prendere la carica per la parte più suggestiva e impegnativa del nostro percorso. Anche qui, come a Malga Fratte abbiamo una vasta scelta di piatti a base di prodotti tipici trentini, dagli strangolapreti ai gnocchi di ricotta, le pappardelle al cervo oppure una buona polenta con funghi e formaggio, il tutto rigorosamente cucinato con prodotti locali.(vi consiglio di prenotare se avete intenzione di fermarvi).

Dopo esserci ricaricati, imbocchiamo la strada in salita in direzione”cascate del Saent”. Già dopo 5 minuti che siamo in moto cominciamo a sentire il fragore dell’acqua e le vediamo già in lontananza.

Altri 15 minuti e siamo ai piedi delle cascate. Il rumore qui si fa più forte e con l’impatto sulle rocce, l’acqua si nebulizza in una nuvola così grande da avvolgere il sentiero. Se c’è un po’ di vento infatti è meglio coprirsi con una giacca da pioggia per evitare di bagnarsi.

Cascate del Saent (foto di Antonio Poletti)

Non appena passiamo la nube d’acqua cominciamo la salita lungo il ripido sentiero che sale a zig zag, ma non per molto perché dopo circa 15 minuti il sentiero diventa piano, facendoci tirare il fiato. Da questo punto si comincia a intravedere il panorama sulla valle sottostante; il tempo di fare qualche foto e dietro una curva ci troviamo di fronte ad un vero spettacolo della natura.

Ora possiamo ammirare il primo salto della cascata che è praticamente impossibile da vedere dalla valle sottostante, ma che è così bello da giustificare la grande salita.

Per attraversarla passiamo su un ponte di legno, da dove possiamo ammirarla in tutta la sua bellezza, per poi proseguire risalendo sul versante opposto da dove siamo venuti. 

Dopo una manciata di minuti arriviamo ad uno spiazzo, dove abbiamo due opzioni: imboccare il sentiero che ci porta a Malga Stablasolo oppure farci ancora un centinaio di metri di dislivello.

Scegliamo la seconda opzione e saliamo lungo il sentiero che ci porta al ”dos de la Cros”. Il percorso è ripido e qui il sole batte più forte anche perché la vegetazione si fa più rada, ma dopo una ventina di minuti siamo in cima dove ci aspetta un altro spettacolo per gli occhi

Dos de la Cros (foto di Antonio Poletti)

Una grande distesa erbosa, chiamata prato delle Marmotte si apre davanti a noi incorniciata dalla catena di monti che ci divide dalle confinanti val Martello e Val d’Ultimo.Da qui possiamo vedere dove nasce il torrente Rabbies che dà origine alle meravigliose Cascate del Saent.

Per chi arriva qui senza aver mangiato, questo è un ottimo posto per un pranzo al sacco con vista.

Adesso cominciamo la discesa verso Malga Stablasolo. Imbocchiamo il sentiero che scende con una bella pendenza in un susseguirsi di curve. Anche da questo lato siamo gratificati da un bellissimo panorama.

Una volta arrivati alla malga ci teniamo sulla sinistra e prendiamo la stradina che prosegue parallela al torrente Rabbies che ci porta al parcheggio Coler in 15/20 minuti.

Una volta qui ci colleghiamo con il sentiero che scendeva da Malga Fratte in prossimità del percorso Kneipp che ci riporta al punto di partenza.

Questa valle incantata regala così tante emozioni, che ti rapisce con la sua bellezza e la sua natura incontaminata.

Svariati sono percorsi che si possono fare, sia in estate che in inverno, che tu sia un appassionato di escursioni, un amante dello sci alpino, di camminate con le ciaspole o sci di fondo, in Val di Rabbi troverai quello che cerchi.

2 pensieri riguardo “Il ponte Tibetano e le Cascate del Saent

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...